Framework europeo

La giustizia riparativa è promossa a livello europeo. Per scoprire le principali fonti europee dedicate alla RJ, si legga il testo seguente.

Cornice normativa della Giustizia Riparativa in Europa

Due gli interventi particolarmente importanti relativi alla giustizia riparativa (RJ). 1) la Direttiva 2012/29/EU, che stabilisce standard minimi sui diritti, il supporto e la tutela delle vittime di reati, la prima fonte normativa che contempla la RJ in termini generali, non riferendosi esclusivamente alla mediazione. La direttiva richiedeva il recepimento entro il 2015. Adottando la definizione utilizzata dal 1999 dal Consiglio d’Europa, la RJ è definita come qualsiasi procedimento che permette alla vittima e all’autore del reato di partecipare attivamente, se vi acconsentono liberamente, alla risoluzione delle que­ stioni risultanti dal reato con l’aiuto di un terzo imparziale. Tutte le vittime, senza distinzione di espressione o identità, ovvero orientamento sessuale devono poter accedere alle tutele offerte e anche ai servizi di RJ. La Direttiva obbliga gli Stati membri a predisporre modalità di informazione per le vittime circa la possibilità di avvalersi di servizi di RJ, sottolinea la necessità di proteggere le vittime all’interno del processo e promuove formazione e cooperazione inter-istituzionali. 2) la Raccomandazione CM/Rec (2018) 8 del Consiglio d’Europa, che riguarda la RJ nel diritto penale e, sebbene non vincolante, è considerata un intervento particolarmente innovativa rispetto alla RJ. Il documento offre un approccio più bilanciato alla vittima e al reo e invita ad una transizione più significativa verso un sistema di giustizia penale che adotti un approccio riparativo. La raccomandazione riconosce il potenziale e l’impatto positivo della RJ, e le criticità della giustizia penale tradizionale. La RJ è definita secondo la Raccomandazione del 1999, i cui principi fondamentali includono una partecipazione attiva; l’obiettivo di indirizzarsi al danno e alla sua riparazione, la volontarietà della partecipazione; un dialogo rispettoso; uguale attenzione per le parti; correttezza procedurale; consenso reciproco; reintegrazione e comprensione reciproca; esclusione di rapporti di potere; confidenzialità; disponibilità generale dei servizi. Si sottolinea anche la necessità di un quadro regolamentare sulla RJ nella giustizia penale. Il commentario spiega ciascun punto in modo analitico.

Organizzazioni Europee, politiche e programmi che promuovono la RJ

Il Forum EU per la giustizia riparativa è un’organizzazione internazionale che connette professionisti che operano nel settore della RJ a vario titolo. Il Forum promuove la ricerca, policy e prassi così da consentire a chiunque l’accesso a servizi i alto livello (see www.euforumrj.org).